Nell’articolo di oggi nel nostro blog parliamo di come DARPA abbia deciso di assegnare un contratto a PARC per poter accelerare l’apprendimento di competenze attraverso l’intelligenza artificiale e la realtà aumentata.

PARC, come ben sappiamo è una società Xerox, la quale ha annunciato la collaborazione con DARPA, alcune università e una società di realtà aumentata, per poter sviluppare un sistema di intelligenza artificiale che guidi gli utenti in compiti fisici complessi che vanno oltre le loro capacità.

Il sistema creato convertirà manuali di testo e video in un formato che può essere elaborato da un computer e guiderà gli utenti a completare le attività utilizzando la guida della realtà aumentata monitorando anche l’esecuzione delle numerose attività.

Questo grande progetto poterà nuovi metodi per poter percepire l’ambiente, ma non solo, aiuterà a ragionare sulle attività fisiche e consentire a creare una realtà aumentata personalizzata in base al livello di esperienza del singolo utente; l’obiettivo di tutto ciò è consentire ad esempio a meccanici, medici e molti altri specialisti di svolgere attività all’interno ma anche al di fuori delle proprie competenze fornendo dei riscontri e istruzioni dal vivo per le attività da svolgere fisicamente.

La realtà aumentata, la visione artificiale, l’elaborazione del linguaggio, l’elaborazione del dialogo e il ragionamento sono tutte tecnologie di intelligenza artificiale appunto, che hanno seriamente rivoluzionato una grande varietà di settori individualmente, ma mai in modo così forte come sta invece accadendo ora.  Tutto ciò è possibile, creando nuove linee guida di realtà aumentata, accelerando così il movimento e rendendo disponibile su richiesta le indicazioni e i feedback sulle attività in tempo reale.

Questo progetto fornirà due sistemi principali, il primo sarà un componente offline in grado di poter apprendere da più modalità come, ad esempio, il linguaggio e la visione per poter estrarre i passaggi contenuti non etichettati necessari per completare un’attività, comprese le istruzioni di testo da manuali, istruzioni e video didattici. Il secondo sarà un componente online che utilizza un approccio di intelligenza artificiale ibrido che combina gli elementi AI simbolici e neurali per creare una guida completa di realtà aumentata, che inoltre è interattiva e basata sulle informazioni estratte dal componente offline. Inoltre, la guida sarà fornita dal sistema e sarà personalizzata in base alla capacità del singolo utente ma non solo.

Oltre a tutto ciò possiamo dire concludendo che come sempre Xerox e PARC continuano nel loro percorso di innovazione con investimenti importanti nell’assistenza sul campo per quanto riguarda ad esempio la realtà aumentata. All’inizio di quest’anni  infatti è stato annunciata la costituzione delle nuove attività software, CareAR, A Xerox Company che consolida CareAR, Docushare e XMPie sotto un’unica holding denominata CareAR, la quale è una piattaforma di esperienza di servizio che supporta la forza lavoro con gli strumenti visivi e l’accesso ai dati necessari per offrire in modo costante esperienze di alta qualità ai dipendenti del servizi e ai propri clienti finali, al tempo stesso riducendo però i costi operativi e le emissioni di gas serra  dei fornitori di servizi, tutto ciò quindi poterà ad un progressivo e florido sviluppo nel futuro del progetto per CareAR.

PARC accelera l’innovazione con l’intelligenza artificiale e realtà aumentata grazie a DARPA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.