Xerox sente una profonda responsabilità personale nei confronti della riduzione dei consumi di combustibili fossili, inoltre la ricerca e l’innovazione ci stanno conducendo verso un futuro nel quale i toner e l’inchiostro per stampanti saranno prodotti sempre più da fonti rinnovabili con un basso impatto ambientale. Xerox Research Centre of Canada (XRCC) ha ricercato dei modi più efficienti per stampare in modo più sostenibile, osservando inizialmente alcuni dei problemi inerenti al riciclaggio della carta. Una delle fasi del riciclaggio prevede l’eliminazione dell’inchiostro dalla carta stampata, affinché essa possa essere trasformata in cellulosa di alta qualità, tenendo conto che la composizione chimica dei toner influisce notevolmente sulla rimozione dell’inchiostro.

La ricerca ha consentito di identificare e brevettare un nuovo tipo di resina che consente al toner di essere rimosso più facilmente, in modo particolare dalle cartiere di piccole dimensioni. Sono numerosi i modi per ridurre l’impatto ambientale dell’inchiostro per stampanti, dall’identificazione di fonti con polimeri più sostenibili, allo sviluppo di composti con un punto di fusione più basso, fino alla riduzione della quantità di imballaggi e rifiuti associati alla stampa.  L’interesse oltre alle soluzioni sostenibili, è stato anche per renderlo commercializzabile, cioè che venisse lavorato e offerto allo stesso prezzo,  per questo ci sono molte alternative ai polimeri petrolchimici valide dal punto di vista economico ma dobbiamo prendere in considerazione l’intero ciclo di vita.

Alcuni dei brevetti più importanti, creati dai nostri ricercatori riguardano l’uso della colofonia e dalla lignina quale alternativa ai polimeri (plastici) petrolchimici. Entrambe queste sostanze per polimeri sono abbondantemente presenti in natura, nel legno e nelle piante, sono adatti agli inchiostri e toner per stampanti e soprattutto hanno un ciclo di vita ambientale positivo, poiché sono relativamente facili da estrarre e lavorare, ma sono anche biodegradabili dopo l’uso.

Grazie al lavoro svolto dai ricercatori, Xerox utilizza da tempo e con successo  gli inchiostri sostenibili nei propri prodotti, i toner con inchiostro solido di Xerox, per esempio possiedono il 30% di contenuti rinnovabili e imballaggi ridotti minimo, mentre il toner EA-Eco è caratterizzato da un punto di fusione bassissimo per poter ridurre i consumi energetiche, in quanto le piccole dimensioni delle sue particelle consentono di utilizzare il 40% di toner in meno per ciascuna pagina stampata, compiendo grandi passi avanti, anche se la strada comunque è ancora molta.  Uno dei principali ostacoli al progresso è l’aspetto economico, la fattibilità economica dei toner sostenibili fluttua in base al prezzo del petrolio. La grande sfida è rappresentata dalla realizzazione di un prodotto sostenibile da vendere allo stesso prezzo di un toner tradizionale.

Un’altra spinta al cambiamento potrebbe venire dal governo poiché le leggi future potrebbero imporre che una determinata quantità di materiale stampato derivi da fonti sostenibili, con conseguente aumento dei consumi di toner sostenibili. Anche in mancanza di leggi specifiche, i nostri esperti del settore prevedono che alcuni settori adotteranno inchiostri bio-rinnovabili, come ad esempio l’industria alimentare, sicuramente molto interessata alle alternative di toner per stampa di packaging ed etichette.

Una delle aree di ricerca di cui si occupano i nostri esperti riguardano lo sviluppo di materiali sicuri e sostenibili per la stampa 3D, in alternativa ai materiali di stampa termoplastici esistenti, derivati da sostanze petrolchimiche, noti per rilasciare composti organici volatili pericolosi se riscaldati. Tutto ciò è alle prime fasi dello sviluppo di composti bio-rinnovabili per la stampa 3D, ma sicuramente saremo in grado di creare materiali di stampa “verdi” di alta qualità e a basso costo, in grado di rendere la stampa 3D più accessibile ai consumatori e ai produttori.

I ricercatori sono intenzionati a tutelare l’ambiente, in quanto rivelatosi ormai una missione personale, infatti stanno cercando di creare qualche cosa di positivo per l’umanità, favorendo l’abbandono di combustibili fossili, che poterà un contributo tangibile e migliorerà la vita di tutti.


Xerox e l’inchiostro sostenibile